Scritto da Michele su mar 12, 2011
Recensione: Garage Band per iPad

Recensione: Garage Band per iPad

Bentornati al nostro consueto appuntamento con l’Angolo delle Recensioni, dopo un periodo particolarmente magro sotto il punto di vista Software, torniamo alla carica con l’ultima App nata in casa Apple, ci riferiamo ovviamente a Garage Band per iPad.

Per chi non avesse avuto la fortuna di conoscerla prima, Garage Band si presenta come una pratica e versatile quanto intuitiva suite per l’editing e la creazione di contenuti audio, nata originariamente su piattaforma Mac e compresa nel pacchetto iLife, si tira a lucido per l’occasione viste le possibilità offerte dai nostri iPad.

Questa volta non ci troviamo davanti ad una delle tante Applicazioni per l’editing musicale di cui è pieno AppStore ma possiamo sbilanciarci senza alcun possibile ripensamento, definendo l’esperienza offerta da Garage Band per iPad come qualcosa di mai provato fino ad ora.

Il segreto che si nasconde dietro a tutto, risiede nell’oramai consolidato credo a cui fanno fede gli sviluppatori Cupertiniani, un’applicazione prima di tutto deve essere intuitiva e alla portata di tutti, le funzioni più complesse poi vengono successivamente e solo una volta presa familiarità con l’ambiente; sarebbe controproducente la realizzazione di un’applicazione particolarmente complessa senza una buona progettazione dell’interfaccia utente.

Proprio per questo motivo, Garage Band per iPad riesce a regalarci un’esperienza decisamente intuitiva ma al tempo stesso completa e limitata solamente dal nostro genio creativo; Basteranno infatti pochi minuti per prendere familiarità con la gerarchia dei vari menù e muoversi quindi in maniera semplice e veloce.

Una volta avviata l’applicazione, potremo scegliere se iniziare a lavorare su un nuovo progetto o riaprirne uno precedente, il tutto con la stessa interfaccia grafica già conosciuta in applicazioni made in Apple come la stessa suite iWork per iPad.

Una volta aperto il progetto ci ritroveremo a contatto con la timeline, che potremo ovviamente personalizzare in quanto a durata; Una volta Impostate le battute, potremo passare direttamente all’aggiunta di uno strumento musicale specifico scegliendolo tra i numerosi offerti dall’applicazione o importandolo direttamente da fonti esterne.

Nota di rilievo infatti si nasconde proprio dietro alla possibilità di collegare qualsivoglia strumento musicale al nostro iPad ed importarne la performance eseguita, tutto ció scegliendo se collegare il device tramite jack cuffie o registrandolo direttamente con il microfono dei nostri iPad.

Importato o selezionato uno strumento potremo andarlo a modificare a nostro piacimento in modo da creare la melodia che più ci ispira, anche qui dobbiamo fare i complimenti agli sviluppatori che hanno svolto un lavoro egregio sotto il punto dell’interfaccia grafica, a seconda infatti della tipologia di strumento selezionato, il nostro iPad ne prenderà completamente le sembianze riproducendolo in una maniera decisamente fedele e a tratti anche maniacale.

Qui, grazie alle enormi possibilità offerte dal display multitouch dei nostri iPad, potremo suonare letteralmente un pianoforte, una chitarra, una batteria o qualsivoglia strumento, il tutto con un realismo impossibile da descrivere a parole, bisogna necessariamente provarle certe cose per farsene un’idea.

Suonare il piano non è mai stato così divertente, a seconda poi della pressione che eserciteremo sullo schermo, il nostro iPad rispondera nella maniera più appropriata, premendo per esempio i tasti del pianoforte con una certa foga noteremo che il suono generato risulterà più brusco come succede esattamente nella realtà.

Anche con la chitarra il discorso non cambia anzi, qui ci troviamo davanti ad un qualcosa di mai visto prima e che ovviamente non poteva che regalarci il genio di Apple, potremo modulare ogni singola corda della nostra chitarra in modo da generare varie effetti audio come ad esempio puó essere il riverbero.

Garage Band viene inoltre in aiuto ai principianti dandogli la possibilità di affidarsi a scale e groove preimpostati di cui potremo andarne a modificare gli accordi per renderle personali.

Registrata quindi una melodia, potremo ritornare al pannello principale dal quale si potranno modificare vari parametri quali il tempo o degli effetti speciali; qui basterà poi inserire un nuovo strumento e ripetere la procedura di registrazione/creazione della melodia, che questa sia una base di sottofondo, il tema principale o una semplice traccia di accompagnamento.

Garage Band ci dà inoltre la possibilità di registrare un nuovo strumento mentre viene riprodotto il progetto a cui stiamo attualmente lavorando, funzionalità che si rivelerà indispensabile nel momento in cui volessimo creare una vera e propria traccia creando ogni singolo strumento personalmente.

L’applicazione offre inoltre numerose funzionalità dedicate grazie alla quale sarà possibile creare dei contenuti audio rivelatori e completamente casuali, oltre ovviamente alla caratteristica sulla bocca di tutti che ci permette di utilizzare iPad come un vero e proprio amplificatore collegandoci semplicemente la nostra chitarra.

Una volta finito di lavorare ad un progetto potremo scegliere se inviarlo ad iTunes tramite la condivisione oppure spedirlo direttamente via email ai nostri amici o a noi stessi.

Come immaginerete le possibilità offerte da Garage Band per iPad sono pressochè infinite e quindi impossibili da elencare in un semplice articolo, quello che possiamo fare è consigliarvi ad occhi aperti questa meravigliosa Applicazione che vi regalerà senza ombra di dubbio ore e ore di sano divertimento, tenendo poi in considerazione il prezzo forfettario a cui viene proposto su AppStore, solo  3,99 €!

Vi lasciamo al download di due tracce audio create da noi grazie all’aiuto del nostro amico Dario, buon divertimento!

Traccia Esempio 1 – iPaple.com

Traccia Esempio 2- iPaple.com

Appassionato di ogni forma di tecnologia e da 5 anni a questa parte ossessionato da qualsiasi cosa con una mela stampata sopra… Ho imparato l’inglese con un PC OLIVETTI e “Indiana Jones and the Last Crusade”… Founder di iPaple.com

Facebook Twitter 

Non ci sono articoli simili.

Post a Comment

5 Responses to “Recensione: Garage Band per iPad”

  1. lucio scrive:

    Preso immediatamente!

  2. Pierpaolo scrive:

    Spettacolo!!! Complimentoni!!!

  3. IlCaratore scrive:

    Non vedo le tracce di cui parlate cmq preso al volo!!!

  4. Michele scrive:

    Grazie della segnalazione, Inserite le Tracce!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>